Sei in: Skip Navigation LinksHome > Settori e Servizi > Settore Affari Generali > Anagrafe e Stato Civile
Anagrafe e Stato Civile

 

Telefono 035 981107  (int. 6)  -  Fax 035 981762
 

email:   anagrafe@comune.sovere.bg.it

            anagrafe.comune.sovere@pec.regione.lombardia.it

 

Responsabile: GHIDINI ANTONELLA – Responsabile del settore
  BERTOLLO BARBARA
  PETENZI MARIANNA

Orari di apertura al pubblico

Lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 8.30 alle 12.30
Mercoledì dalle 10.00 alle 14.00

Giovedì dalle 17.00 alle 18.00

Sabato dalle 9.30 alle 12.30

ATTIVITA’ SVOLTE

Dall’Ufficio di Stato Civile:

  • Forma, archivia, conserva e aggiorna tutti gli atti concernenti lo stato civile (nascita, morte, matrimonio, cittadinanza);
  • Trasmette alle pubbliche amministrazioni che ne fanno richiesta, in base alle norme vigenti , gli estratti e i certificati che concernono lo stato civile;
  • Rilascia, nei casi previsti gli estratti e i certificati, nonché le copie conformi dei documenti depositati presso l’ufficio dello stato civile;
  • Verifica, per le pubbliche amministrazioni che ne fanno richiesta, la veridicità dei dati contenuti nelle autocertificazioni prodotte dai cittadini in tutti i casi consentiti dalla legge.

Cosa fare quando...

Nasce un figlio
La denuncia di nascita può essere presentata da :

uno dei genitori
il medico, l’ostetrica o altra persona che ha assistito al parto
un procuratore speciale, munito di procura redatta da notaio.

In che modo:

a) al Direttore Sanitario del centro di nascita (ospedale, casa di cura), entro 3 giorni dal parto;
b) all'Ufficiale di Stato Civile del Comune ove è nato il bambino, entro 10 giorni dal parto;
c) all'Ufficiale di Stato Civile del Comune di residenza dei genitori e di quello della madre in caso di residenza in Comuni diversi, entro dieci giorni.

Occorre presentare i seguenti documenti: attestazione di nascita rilasciata dalla Direzione Sanitaria dell’Ospedale in cui è nato il bambino, documento d’identità valido del dichiarante.
Nel caso di dichiarazione resa presso il centro di nascita, l’atto di nascita verrà poi trasmesso o al Comune di residenza della madre, su sua specifica richiesta, o al Comune nel cui territorio si trova il Centro di nascita.

Ci si vuole sposare con rito religioso cattolico

E’ possibile richiedere le pubblicazioni per matrimonio con rito religioso, solo se almeno uno dei futuri sposi e’ residente nel Comune.
E’ necessario presentare la richiesta di pubblicazione del Parroco.
Se uno dei nubendi è cittadino straniero occorre il nulla osta al matrimonio rilasciato dall’Ambasciata o dal Consolato del Paese di appartenenza con firma legalizzata dalla Prefettura competente, se dovuta, e un documento d'identità.
A tale scopo è necessario che i futuri sposi prendano preventivi contatti con l’ufficio.
Per i minorenni che abbiano compiuto 16 anni occorre presentare una copia del provvedimento di ammissione al matrimonio, che deve essere richiesto al Tribunale per i Minorenni, competente per territorio.
Su appuntamento, alla presenza dei futuri sposi si procede alla redazione del verbale di pubblicazione.
La scelta del regime patrimoniale deve essere comunicata al sacerdote che celebra il matrimonio. Se non viene scelto espressamente il regime di separazione dei beni, automaticamente s’intende scelto il regime della comunione.

Ci si vuole sposare con rito civile

E’ possibile richiedere le pubblicazioni per matrimonio con rito civile, solo se almeno uno dei futuri sposi è residente nel Comune.
Tutta la documentazione inerente il procedimento viene acquisita direttamente dall’Ufficiale di Stato Civile.
Se uno dei futuri sposi è cittadino straniero occorre il nulla osta al matrimonio rilasciato dall’Ambasciata o dal Consolato del Paese di appartenenza con firma legalizzata dalla Prefettura competente e un documento d'identità.
Per i minorenni che abbiano compiuto 16 anni occorre presentare una copia del provvedimento di ammissione al matrimonio, che deve essere richiesto al Tribunale per i Minorenni, competente per territorio.
Su appuntamento, alla presenza dei futuri sposi ( in possesso di documento di identità valido), si procede alla redazione del verbale di pubblicazione.
Gli interessati concordano con l’Ufficio la data e l’ora del matrimonio e scelgono il regime patrimoniale. Se non viene scelto espressamente il regime della separazione dei beni, automaticamente s’intende scelto il regime della comunione.

Decede un congiunto

La denuncia di morte deve essere presentata entro 24 ore all’Ufficiale di Stato Civile del luogo dove è avvenuto il decesso, da uno dei congiunti o da persona convivente famigliare o da un loro delegato o da persona informata del decesso.
Le agenzie di pompe funebri, a richiesta del cittadino, possono occuparsi di tutta la procedura. Se il cittadino lo preferisce può effettuare personalmente la denuncia di morte, presentando all’Ufficio di Stato Civile i seguenti documenti:
  il certificato necroscopico e la scheda ISTAT rilasciati dal medico necroscopo (il medico che accerta la morte);
  in caso di morte avvenuta in ospedale il direttore o chi è delegato deve trasmettere l’avviso di morte entro 24 ore.

Se la persona deceduta aveva espresso la volontà di essere cremata occorre presentare all’ufficio, oltre ai documenti già menzionati, la dichiarazione della volontà della persona deceduta; per coloro che erano iscritti ad associazioni riconosciute, che abbiano tra i propri fini anche la cremazione occorre che la dichiarazione di volontà sia convalidata dal presidente dell’associazione.

In mancanza di ciò il coniuge  o la maggior parte dei parenti più prossimi possono dichiarare con uno scritto la volontà che il defunto venga cremato.
In entrambi i casi occorre presentare anche i seguenti documenti:
  il certificato in carta libera del medico di famiglia o necroscopo, (con firma autenticata dal Coordinatore Sanitario), dal quale risulti escluso il sospetto di morte dovuta a reato;
  in caso di morte improvvisa o sospetta occorre il nulla osta dell’Autorità Giudiziaria.

Il defunto può avere, su indicazione della famiglia, vari tipi di sepoltura.
Il Comune di Sovere concede la sepoltura nel cimitero comunale, se la persona è deceduta nel territorio comunale, se il defunto era residente o era nato a Sovere.


Si vuole riconoscere un figlio

Il riconoscimento di maternità o paternità può essere richiesto per riconoscere figli naturali, nati da una coppia non sposata o in cui uno dei genitori era unito in matrimonio con altra persona.
Il riconoscimento può essere reso con dichiarazione:

  davanti all’Ufficiale di Stato Civile;
  con testamento;
  con atto pubblico.

Il figlio naturale assume il cognome del genitore che per primo lo ha riconosciuto.
Se il riconoscimento è stato effettuato da entrambi i genitori, il figlio assume il cognome del padre. Il figlio maggiorenne il cui riconoscimento di paternità sia avvenuto successivamente a quello della madre può assumere il cognome del padre aggiungendolo o sostituendolo a quello della madre. In caso di minore età del figlio riconosciuto, il Tribunale decide circa l’assunzione del cognome.

Separarsi, sciogliere o cessare gli effetti civili del matrimonio 
 
L'art. 12 della legge 162/2014 prevede  la possibilità per i coniugi di concludere innanzi all'ufficiale di stato civile un accordo di separazione, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, modifica dell'assegno periodico purché:
non vi siano figli minori (comuni dei coniugi), portatori di handicap grave (Legge 104/1992) o non economicamente autosufficienti.
L'accordo deve essere confermato da entrambi i firmatari dopo non meno di 30 giorni dalla prima comparizione per poter essere valido. 
Il costo è di € 16,00 quale diritto fisso.
Si consiglia di contattare l'ufficio di stato civile per appuntamento.
 
Costituire l'unione civile 
La Legge 20 maggio 2016 n. 26 ha istituito l’unione civile tra persone dello stesso sesso, quale formazione sociale ai sensi degli artt. 2 e 3 della Costituzione, diversa dal matrimonio, pur avendo le parti i medesimi diritti e doveri dei coniugi.
All'atto della costituzione dell'unione  è possibile scegliere il regime patrimoniale e un cognome comune.
Contattare l'ufficio di stato civile per appuntamento 
Informazioni casi particolari unioni civili DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 luglio 2016, n. 144

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Dall’Ufficio Anagrafe:

  • Provvede alla tenuta ed all’aggiornamento dei registri della popolazione residente; cura il rilascio dei certificati anagrafici; effettua tutti gli atti previsti dall’ordinamento anagrafico; lo schedario anagrafico è costituito da schede individuali, di famiglia e di convivenza. Nelle schede individuali sono registrate le posizioni anagrafiche desunte dalle dichiarazioni degli interessati, dagli accertamenti d’ufficio e dalle comunicazioni degli uffici di stato civile.
  • Dal 1995 dispone gli aggiornamenti sulla patente ed i libretti di circolazione dei veicoli in relazione ai cambiamenti di abitazione dei titolari.
  • Dal 2007 rilascia le attestazioni di regolarità di soggiorno per i cittadini comunitari.

Cosa fare quando...

si vuole fissare la propria residenza a Sovere.
La richiesta di residenza viene inoltrata all’Ufficio Anagrafe.
Deve essere presentata dal cittadino o da uno dei componenti maggiorenni della famiglia interessata.
L’istanza deve essere accompagnata dal documento di identità dell’interessato e il codice fiscale suo e dei componenti della famiglia.
Per i cittadini Extracomunitari occorre presentare il passaporto in corso di validità ed il permesso di soggiorno e la stessa documentazione richiesta ai cittadini Italiani, se già iscritti in altro Comune.
In alternativa al permesso di soggiorno si procede all’iscrizione anagrafica anche con la ricevuta postale comprovante la richiesta del rinnovo o del rilascio del permesso.
I cittadini dell’Unione Europea, devono presentare oltre ai documenti previsti come per i cittadini Italiani, il certificato di regolarità di iscrizione anagrafica rilasciato dal precedente Comune di iscrizione.
Se proveniente dall’estero, (prima iscrizione in Italia) devono esibire anche il contratto di lavoro o l’ultima busta paga, in alternativa un Assicurazione Sanitaria o altro titolo idoneo comunque denominato che copra tutti i rischi nel territorio Nazionale.
Per i Cittadini dell’Unione, se la permanenza sul Territorio Nazionale non supera i tre mesi, non servono condizioni o formalità particolari, salvo il possesso di un documento di identità valido per l’espatrio secondo la legislazione dello stato di cui hanno la cittadinanza

 Si deve variare la propria residenza

Il cambio di indirizzo all’interno del Comune si richiede all’Ufficio Anagrafe.
Il cittadino interessato o, nel caso di una famiglia, un componente maggiorenne della stessa, deve recarsi all’Ufficio Anagrafe e dichiarare l’avvenuto cambiamento di indirizzo


Cambio di indirizzo su documenti di guida

I cambi di residenza o di indirizzo sulla patente di guida e sul libretto di circolazione vengono fatti contemporaneamente al cambio di residenza o indirizzo presso l’Ufficio Anagrafe.
Per ogni cambio di indirizzo il cittadino presenterà i documenti di circolazione in originale, o in fotocopia, o compilerà un modulo distribuito dall’Ufficio Anagrafe, per se’ ed ogni componente della famiglia in possesso di patente di guida e/o intestatario di libretto di circolazione.
La Motorizzazione Civile di Roma provvederà poi a spedire al cittadino interessato il tagliando adesivo con il nuovo indirizzo da applicare sulla patente o sul libretto. I cittadini che non ricevono il tagliando entro 180 giorni, possono chiamare il numero verde 800.232323.

Si vuole dichiarare una convivenza di fatto

La dichiarazione per la costituzione di una convivenza di fatto può essere effettuata da due persone
maggiorenni, unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e
materiale, residenti nel Comune di Sovere, coabitanti e iscritte sul medesimo stato di famiglia (Legge n. 76/2016, in vigore dal 5 giugno 2016, commi 36-65 dell’Art. 1).
 
Si allega modulo per la compilazione, sottoscrizione e inoltro al Comune
 
 
Perché costituire  una convivenza di fatto
 

Rilascio carta d'identità a minori

L'articolo 10 del decreto-legge 13 maggio 2011 n. 70, intitolato "Servizi ai cittadini", ha introdotto nuove disposizioni in materia di rilascio di carta d'identità, modificando l'articolo 3 del TULPS, R.D. 773/1931.
Alla luce delle nuove disposizioni è soppresso il limite di età minimo per il rilascio della carta d'identità, precedentemente fissato in quindici anni, ed è stabilita una validità temporale diversa di tale documento, a seconda dell'età.
In particolare è previsto che la carta d'identità rilasciata:
· ai minori di anni 3 abbia validità di anni 3
· per i minori di età compresa tra i 3 anni e i 18  anni abbia validità di anni 5
· per gli ultra diciottenni abbia validità di anni 10.

Ai fini del rilascio, per i minori di anni 18, necessitano i seguenti documenti:

- N.2 fotografie UGUALI e RECENTI;
- Presenza del minore con più di 12 anni in Ufficio;
- Firma di assenso sulla domanda di entrambi i genitori per la validità all’espatrio e dichiarazione di assenza di motivi ostativi all’espatrio del minore ai sensi dell’art. 1 del D.P.R. 649/1974. Tale assenso potrà essere sottoscritto dai genitori in presenza del dipendente addetto ovvero sottoscritto e presentato unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità dei genitori che potrà essere inviato per via telematica (Fax e/o posta certificata).
Se trattasi di cittadino NON italiano, la carta identità sarà rilasciata NON valida per l’espatrio, ed è necessario produrre passaporto o altro documento di riconoscimento.

ATTENZIONE

Le nuove disposizioni prevedono, tuttavia, che per il minore di anni 14, l'uso della carta d'identità ai fini dell'espatrio sia subordinato alla condizione che il minore viaggi in compagnia di uno dei genitori (munito, se del caso, di certificato di nascita con paternità e maternità) o di chi ne fa le veci, OPPURE che venga menzionato - su una dichiarazione rilasciata dai genitori, convalidata dalla QUESTURA o dal CONSOLATO - il nome della persona, dell'ente o della compagnia di trasporto a cui il medesimo minore è affidato.

modulistica:

Richiesta carta d'identità per minori

Dichiarazione di accompagnamento affidamento di minori durante l'espatrio

 

Si vuole richiedere il passaporto elettronico con impronta digitale

   Richiedente maggiorenne senza figli minori

 fatto 
1) Due foto (Fotografie su formato conforme).
2) attestazione di versamento di € 42,50 per il libretto di 48 ( unico) pagine che dovranno 
essere versati sul conto corrente postale numero 67422808 intestato al Ministero dell’Economia
e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro con causale “ Importo per il rilascio del
passaporto elettronico con impronta digitale “.
3) Una marca specifica per passaporto da € 73,50 (tassa governativa).
4) Passaporto vecchio, se posseduto.
 
Richiedente coniugato/convivente o separato/divorziato con figli minori
 
1) Due foto (Fotografie su formato conforme).
2) attestazione di versamento di € 42,50 per il libretto di 48 pagine (unico) che dovranno essere
versati sul conto corrente postale numero 67422808 intestato al Ministero dell’Economia
e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro con causale “ Importo per il rilascio del
passaporto elettronico”.
3) Una marca da € 73,50 specifica per passaporto (tassa governativa ).
4) Assenso del coniuge o del convivente o del genitore dei minori - OPPURE sentenza di divorzio
o separazione omologata dal Tribunale da cui risulti il reciproco assenso dei coniugi all’espatrio
o firma ex coniuge.
5) Passaporto vecchio, se posseduto.
 
Richiedente minorenne - fino ai 12 anni senza impronta digitale
 
DA 01 A 03 ANNI ( VALIDITA’ PASSAPORTO 03 ANNI )
DA 04 A 18 ANNI ( VALIDITA’ PASSAPORTO 05 ANNI)
 
1) Due foto (Fotografie su formato conforme).
2) attestazione di versamento di € 42,50 per il libretto di 48 (unico) pagine che dovranno essere
versati sul conto corrente postale numero 67422808 intestato al Ministero dell’Economia
e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro con causale “ Importo per il rilascio del
passaporto elettronico”.
3) Una marca da €  73,50 specifica per passaporto  (tassa governativa).
4) atto di assenso firmato dal genitore che non può recarsi in Questura – in caso di impossibilità attestazione giudice tutelare – con allegate
fotocopie delle carte di identità o passaporto.
5) Se minorenne di 14 anni e viaggia con altre persone diverse dai genitori compilare una
dichiarazione di accompagnamento.
6) Passaporto vecchio, se posseduto.
DAL 2016  E' NECESSARIO PRENOTARE L'APPUNTAMENTO IN QUESTURA ON LINE AL SEGUENTE INDIRIZZO: 
 
QUESTURA - UFFICIO PASSAPORTI - BERGAMO VIA NOLI, 1
TELEFONO 035/276 111 (CENTRALINO) ---- 035/276 732  (UFFICIO PASSAPORTI)
 -----------------------------------------------------------------------------------------------------
NOVITÀ : LEGGE DI STABILITA’ 2012 – I CERTIFICATI NON SONO PIU’ VALIDI SE PRESENTATI ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Dal 1° gennaio 2012  le Amministrazioni pubbliche  e i gestori di pubblici servizi - non potranno più richiedere certificati ai cittadini, ma dovranno limitarsi ad utilizzare l’autocertificazione dagli stessi prodotta.
I certificati rilasciati dagli uffici comunali relativi a stati, qualità personali e fatti sono quindi validi e utilizzabili SOLO nei rapporti tra privati e sarà espressamente indicato, nei certificati stessi, che non possono essere utilizzati nei confronti delle Amministrazioni pubbliche.
 
RILASCIA
 
 
 
  • Certificati, estratti e copie integrali di stato civile (nascita, matrimonio, cittadinanza e morte) relativi a coloro che sono nati, sposati, deceduti a Sovere.
  • Certificati di stato famiglia
  • Stato di famiglia ad uso assegni
  • Stato di famiglia storico
  • Residenza
  • Residenza storico
  • Cittadinanza
  • Esistenza in vita
  • Iscrizione nelle liste elettorali
  • Godimento dei diritti politici
  • Stato libero
  • Stato vedovile
  • Cittadinanza Italiana
  • Residenza all'estero (AIRE)
  • Stato di famiglia (AIRE)
  • Nascita
  • Matrimonio
  • Morte
  • I certificati richiesti presso l’Ufficio Anagrafe si pagano direttamente allo sportello. (il costo è di 0,52 centesimi, per i certificati in bollo e 0.26 centesimi, per i certificati rilasciati in esenzione da bollo)
  • I certificati si ottengono presentando un documento di identità valido. Per molti certificati è comunque possibile ricorrere all'autocertificazione.
  • Tutti i certificati relativi ad informazioni che non possono cambiare nel tempo (es. morte) non hanno scadenza.
  • Tutti gli altri hanno validità sei mesi e, quando sono scaduti, possono essere riutilizzati firmando una dichiarazione che confermi l’esattezza dei dati contenuti.
  • Qualora si richieda un certificato per altri, è necessario presentarsi con delega scritta.
 
DENUNCIA DI MORTE

La denuncia del decesso è obbligatoria e va inoltrata entro 24 ore dall'evento all’ufficio distato civile. Qualora il decesso avvenga in un giorno pre-festivo ( es. nel pomeriggio di sabato) o in concomitanza di più giorni festivi contigui (es. Pasqua) va inoltrata tempestivamente all’apertura degli uffici.
Se il decesso avviene in ospedale o in casa di cura o di ricovero: la denuncia viene presentata dalla direzione dell'ospedale o dell'istituto.
Se il decesso avviene in abitazione: la denuncia va presentata da uno dei congiunti o conviventi o da un loro incaricato, con i seguenti documenti compilati da medico intervenuto a constatare il decesso: avviso di morte, scheda Istat.
Presentata tale documentazione, l’ufficio competente, rilascia l’autorizzazione alla sepoltura nel cimitero locale oppure l'autorizzazione al trasporto della salma nel cimitero di un altro Comune. In questo caso, i documenti dovranno essere ritirati da un familiare o da un incaricato e consegnati al custode del cimitero.
In caso di morte violenta o di rinvenimento di cadavere è necessario rivolgersi subito a Polizia o Carabinieri, che provvederanno ad ottenere dall'autorità giudiziaria l'autorizzazione a rimuovere il corpo ed al suo trasporto al civico obitorio. In questo caso, il servizio funebre potrà essere richiesto solo dopo il rilascio del nulla osta della Procura della Repubblica, non appena eseguiti gli accertamenti di legge dell'Istituto di Medicina Legale.
 
FUNERALE

La sepoltura deve avvenire dopo che sono trascorse 24 ore dal decesso, dopo 48 ore in caso di morte violenta. Il trasporto dei defunti dall'abitazione al cimitero si effettua negli orari stabiliti dal Comune, dopo che l'Ufficio di Stato Civile ha rilasciato l’autorizzazione alla sepoltura.

FORNISCE
  • Informazioni e modulistica per la compilazione delle autocertificazioni
RICEVE
  • Tutte le informazioni di variazione dei dati anagrafici dei residenti in Sovere.
MODULISTICA