Sei in: Skip Navigation LinksHome > Dote Scuola
    Digitale terreste


    Il Piemonte orientale, la Lombardia e la provincia di Parma, Piacenza e zone limitofe, a partire dal 25 ottobre e fino al 26 novembre 2010 saranno interessati alla transizione al digitale di tutte le reti televisive nazionali e locali i cui programmi saranno visibili unicamente attraverso un DECODER o un apparecchio televisivo con sintonizzatore digitale integrato.

    Per facilitare questa fase di passaggio alla nuova tecnologia è stato predisposto un  programma di interventi, informazioni ed istruzioni per l’uso

    Si informa che il Ministero dello Sviluppo Economico, Dipartimento per le Comunicazioni, ha messo a disposizione degli abbonati TV di età PARI o SUPERIORE a 65 anni (da compiersi entro il 31/12/2010) e che abbiano dichiarato nel 2009 (redditi 2008) un reddito pari o inferiore a euro 10.000,00, un contributo di € 50,00 per l'acquisto o il noleggio di un apparato idoneo a consentire la ricezione, in chiaro e senza alcun costo per l'utente e per il fornitore di contenuti, di segnali televisivi in tecnica digitale.

    Si precisa che il contributo non può essere corrisposto più di una volta per ciascun abbonato e che  consiste in una riduzione del prezzo complessivo, IVA inclusa, al netto di ogni eventuale sconto commerciale. 

    Per usufruire del contributo ed acquistare il decoder:

    • accertarsi di essere in regola con il pagamento dell'abbonamento TV dell'anno in corso;
    • recarsi presso uno dei rivenditori autorizzati muniti di:

    copia del documento di identità e codice fiscale;

    autocertificazione di  non fruizione del contributo in precedenza e di possesso dei requisiti richiesti (compilabile anche presso i rivenditori);

    ricevuta del pagamento dell'abbonamento RAI dell'anno in corso.

    •  Scegliere il  decoder tra  quelli per cui è previsto il contributo e acquistarlo con lo sconto che verrà immediatamente applicato

    Per maggiori informazioni consultare la pagina del sito del Ministero dello Sviluppo Economico oppure telefonare al numero verde:  800 022 00